Quali integratori contro i radicali liberi?

Home E Quando usarlo E Difese immunitarie E Quali integratori contro i radicali liberi?

Quali integratori contro i radicali liberi?

Si sente spesso parlare di antiossidanti e radicali liberi: se questi ultimi sono demonizzati perché nocivi per la nostra salute, i primi sono al contrario presentati come la soluzione a tutti i mali. La chiave per il nostro benessere sta però soprattutto nel loro equilibrio; infatti sono entrambi coinvolti in molti processi e reazioni cellulari. Cosa fare per non far mancare questo equilibrio?

Cosa sono i radicali liberi dell’ossigeno?

Molti processi interni al nostro corpo, insieme a fattori esterni, innescano delle reazioni metaboliche necessarie al corretto funzionamento e alla preservazione stessa dell’organismo. Fra queste ci sono quelle che utilizzano ossigeno e provocano una reazione di ossidazione; fra i prodotti di scarto ci sono anche i radicali liberi dell’ossigeno.

Oltre ai processi metabolici parte del normale funzionamento del corpo, anche l’ambiente nel quale viviamo e il nostro stile di vita influiscono sull’alterazione del livello di queste molecole.

Ci sono infatti fattori ambientali e comportamentali che promuovono l’aumento di radicali liberi, con il rischio di conseguenze nocive. Fra questi:

  • inquinamento
  • esposizione ai raggi UV
  • fumo di sigaretta
  • abuso di alcolici
  • consumo di stupefacenti
  • stress

I danni causati dai radicali liberi

Fisiologicamente i radicali liberi, nella giusta misura, sono importanti e addirittura necessari per il nostro benessere; il problema emerge quando, soprattutto a causa di abitudini alimentari e quotidiane scorrette, il loro numero aumenta e il corpo non è più in grado di tenerli a bada.

Questa condizione è detta stress ossidativo e numerosi studi confermano il suo ruolo nell’aumento del rischio di sviluppo di molte patologie gravi e potenzialmente mortali, come malattie neurodegenerative, cardiovascolari, tumori e invecchiamento precoce.

Come contrastare i radicali liberi con gli integratori

Per non incorrere in una condizione di stress ossidativo, causata da un eccesso di radicali liberi, è necessario che questi ultimi vengano “neutralizzati” da molecole specifiche: gli antiossidanti. In alcuni casi potrebbe essere opportuno supportare il nostro organismo con integratori specifici.
In generale, gli integratori sono prodotti che vengono assunti per colmare una carenza o un aumentato fabbisogno, ad esempio di vitamine o minerali; integratori che promuovono l’attività antiossidante possono contenere, da soli o insieme ad altri ingredienti:

  • vitamina C
  • vitamina E

Approfondiamo in che modo queste sostanze contribuiscono a combattere lo stress ossidativo.

Vitamina C

Detta anche acido ascorbico, la vitamina C è un micronutriente che il corpo umano non produce ed è quindi introdotto attraverso il cibo. La possiamo trovare in:

  • kiwi
  • agrumi, come arance, mandarini, limoni
  • fragole
  • spinaci
  • broccoli
  • pomodori
  • peperoni

La dose giornaliera consigliata è di 70 mg per le donne e 90 per gli uomini e tutti i giorni dovremmo preoccuparci di assumerne abbastanza: essendo idrosolubile, non può essere immagazzinata e perciò i cibi che la contengono devono essere consumati regolarmente. Inoltre è sensibile alle alte temperature, quindi è meglio assumerla attraverso frutta e verdura crude.

La vitamina C assolve a funzioni fondamentali, in quanto:

  • partecipa ad alcune reazioni metaboliche
  • è un antiossidante e supporta il sistema immunitario, per questo è una delle protagoniste della lista degli ingredienti di molti integratori

Infine, ricordiamo che la vitamina C non ha un valore terapeutico, ma grazie alle sue proprietà antiossidanti e di supporto al sistema immunitario può aiutare ad accelerare il processo di guarigione.

Vitamina E

La vitamina E o tocoferolo, a differenza della vitamina C, è liposolubile; ciò significa che può essere immagazzinata dal nostro organismo e rilasciata quando serve. Similmente alla vitamina C, anche la E è sensibile al calore. Possiamo assumerla attraverso alcuni alimenti, come:

  • frutta secca
  • semi oleosi
  • semi di grano
  • cereali
  • verdure a foglia verde

La vitamina E, negli alimenti o negli integratori, ha una funzione antiossidante. La dose consigliata è compresa fra 8 e 10 mg al giorno.

Resveratrolo

Il resveratrolo è una sostanza di origine vegetale che nelle piante ha una funzione protettiva, ad esempio contro batteri e funghi. Non essendo prodotta naturalmente dal corpo umano, viene assunta attraverso gli alimenti che la contengono, come:

  • more
  • uva
  • cacao

Una delle fonti del resveratrolo che si trova negli integratori è il caprifoglio giapponese.

Buone abitudini contro i radicali liberi

In realtà il termine antiossidanti non identifica una classe precisa di molecole, ma una proprietà che alcune molecole hanno; si tratta appunto di quell’instabilità necessaria a neutralizzare i radicali liberi.

Alcuni antiossidanti sono prodotti in modo endogeno, cioè dal nostro corpo; antiossidanti endogeni sono:

  • glutatione
  • coenzima Q
  • gli enzimi superossido dismutasi e catalasi

Gli antiossidanti che produce il nostro organismo possono però non essere sufficienti ed è necessario introdurli anche attraverso l’alimentazione. Una dieta sana ed equilibrata che fornisca antiossidanti sufficienti dovrebbe essere:

  • ricca di frutta e verdura di stagione, meglio se consumate crude per non diminuirne le proprietà nutrizionali. Fra le sostanze antiossidanti contenute in questi alimenti ricordiamo micronutrienti essenziali (vitamine e minerali); flavonoidi (in mele, fragole, arance, peperoni, cipolle); carotenoidi (come il licopene e il beta-carotene, che hanno una capacità nutrizionale ma anche vitaminica, ovvero sono precursori della vitamina A);
  • con il giusto apporto di cereali integrali, frutta secca e semi oleosi;
  • povera di grassi, zuccheri e cibi processati o complessi da digerire (come gli insaccati e la carne rossa).

Anche alcune abitudini quotidiane possono promuovere aiutarci a diminuire lo stress ossidativo ad esempio:

Una vita e una dieta sane in alcuni momenti e in alcune condizioni di salute possono non essere sufficienti ad assicurarci il benessere e a tenere lontano lo stress ossidativo. In questi casi possono essere utili, per sostenerci, gli integratori, che consigliamo di scegliere su indicazione del farmacista o del medico in base alle proprie necessità.

 

Bibliografia

Fondazione Veronesi (1)
Fondazione Veronesi (2)
Humanitas
ISS
Humanitas

Resvis Forte XR

Resvis Forte XR

Favorisce le difese naturali dell’organismo, anche in caso di sintomi influenzali e raffreddore.

Resvis XR

Resvis XR

Contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo.

Resvis Fluid XR

Resvis Fluid XR

In caso di tosse grassa