Resvis

Bronchite

Processo infiammatorio a carico dell’albero bronchiale

La bronchite è un'infiammazione che coinvolge le grandi vie aeree dei polmoni, in particolare la mucosa che riveste i bronchi. Può presentarsi in forma acuta o cronica. La bronchite acuta è un disturbo piuttosto comune: si stima che ogni anno circa il 5% degli adulti ne abbia un episodio, mentre la cronica presenta una prevalenza nella popolazione tra il 3% e il 7%.


Che cos’è la bronchite?

La bronchite acuta è il risultato di un’infiammazione acuta dei bronchi dovuta a varie cause, in genere causata da un virus, oppure allergeni, inquinamento o fumo. L’infiammazione degli alberi bronchiali porta a un ispessimento della mucosa, desquamazione delle cellule epiteliali ed esposizione della membrana basale.


Se l'
infiammazione si ripete e perdura nel tempo è definita cronica. Viene generalmente distinta dalla forma acuta da una tosse persistente che dura per più di 3 mesi nell’arco di 2 anni. La bronchite cronica ha una forte associazione con il fumo di sigaretta e può evolvere a Broncopneumopatia Cronico Ostruttiva (BPCO).

 

Quali sono le cause della bronchite acuta?

Nella maggior parte dei casi, l’infiammazione acuta è causata da un’infezione virale che ha già colpito le prime vie aeree (come laringe e trachea) per poi estendersi ai bronchi. L’infezione può essere causata da virus comuni, come il raffreddore o l’influenza - motivo per cui la bronchite acuta si manifesta soprattutto durante la stagione fredda. In alcuni casi può instaurarsi una sovrainfezione batterica. Esistono fattori che possono favorire l’insorgere della bronchite, come ad esempio:

  • Fumo
  • Inquinamento
  • Asma
  • Allergeni

Le cause della bronchite cronica

La bronchite cronica è una condizione persistente nel tempo e che è quindi generalmente più complessa dell'episodio acuto. È il risultato di una degenerazione graduale delle strutture bronchiali causata soprattutto dal fumo, dallo smog, dall’esposizione prolungata agli agenti inquinanti o dall'inalazione di sostanze tossiche.


Può anche essere causata da una ripetuta esposizione a infezioni virali come l’influenza di tipo A e B. Ma è anche più probabile che si verifichi in persone soggette a disturbi respiratori come asma, fibrosi cistica, bronchiectasie. 
Pur essendo diverse le cause note di bronchite cronica, il fumo di sigaretta sia attivo che passivo rappresenta il principale veicolo di insorgenza della malattia.

 

Quali sono i sintomi?

I sintomi della bronchite sono molto simili sia nel caso che sia acuta sia che sia cronica, anche se varia la durata e l’intensità. Possono quindi includere:

  • Difficoltà a respirare (dispnea), respiro sibilante, fiato corto e raucedine
  • Tosse persistente, che nel caso della bronchite acuta può durare da 10 a 20 giorni, ma può anche arrivare a 4 settimane
  • Produzione eccessiva di muco, con catarro bianco o giallastro, e piccole perdite di sangue
  • Febbre e brividi 
  • Dolori articolari
  • Faringite
  • Senso di oppressione al torace e debolezza diffusa
  • Disturbi del sonno

Come va trattata?

La bronchite va trattata in modo diverso e specifico a seconda che la manifestazione sia acuta o cronica, il primo consiglio da seguire è sicuramente la sospensione totale del fumo.


La bronchite acuta va riconosciuta mediante una diagnosi clinica ottenuta tramite anamnesi ed esami polmonari (per valutare la severità del disturbo possono essere d’aiuto altri esami strumentali come la saturazione dell’ossigeno e la valutazione della frequenza respiratoria). Quando si presentano sintomi compatibili è pertanto consigliato rivolgersi al medico. In genere, nel caso di un’infezione virale comune, che può causare la bronchite acuta, può essere sufficiente il
trattamento sintomatico del disturbo con un periodo di riposo, una buona idratazione, l'uso di antinfiammatori, antipiretici e mucolitici. Nel caso di una sovrainfezione batterica il medico valuterà la terapia antibiotica più adatta.


Il trattamento di una bronchite cronica, si pone l’obiettivo di alleviare i sintomi
, prevenire complicazioni e rallentare la progressione del disturbo. Nello specifico è importante ridurre la sovrapproduzione di muco, controllare l’infiammazione e la tosse – tramite terapie farmacologiche e non solo. Il trattamento è in genere più articolato e di lunga durata e può includere farmaci inalatori utilizzati per ottenere una broncodilatazione. Nei casi più gravi può essere necessario l’utilizzo di ossigenoterapia e una specifica terapia di riabilitazione polmonare

 

Strategie di prevenzione

Strategia e abitudini di vita sana possono aiutare a prevenire l’insorgere di bronchiti – sia acute che croniche. In primis la sospensione del fumo, perché il fumo irrita le mucose e facilita il processo infiammatorio. Occorre poi prestare attenzione ed evitare quanto possibile l’esposizione agli altri fattori di rischio come l’inquinamento e sostanze tossiche. Mantenere il giusto grado di umidità negli ambienti di lavoro e domestici. Come sempre è poi importante mantenere uno stile di vita sano, una dieta bilanciata, una buona idratazione e un’attenzione costante all’igiene personale.

 

Bibliografia

  • Anumeha Singh, Akshay Avula , Elise Zahn.  Acute Bronchitis. In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan. 2020 Jun 24. PMID: 28846312 NBK448067
  • Allen Widysanto; George Mathew. Chronic Bronchitis. Chronic In: In: StatPearls [Internet]. Treasure Island (FL): StatPearls Publishing; 2020 Jan. 2020 Apr 24.PMID: 29494044 NBK482437


torna all'elenco DISTURBI

Trova i rivenditori RESVIS XR più vicini a te.

clicca qui